//
Cos’è la consulta

La Consulta Provinciale degli Studenti di Monza e Brianza è l’organo istituzionale che rappresenta le studentesse e gli studenti delle scuole pubbliche e paritarie della provincia.

Composta da due rappresentanti eletti ogni due anni da ciascun istituto, la CPS ha compiti consultivi e decisionali, gestisce fondi economici propri ed invia rappresentanti a livello regionale e nazionale.

La nostra è una consulta giovane: nata nel novembre 2009, con l’istituzione della nuova Provincia di Monza e Brianza, fa parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e si compone attualmente di 44 membri.

Ai sensi del suo regolamento, la CPS di Monza e Brianza elegge un presidente ed un vicepresidente ed è organizzata in diversi organi: assemblea plenaria, commissioni, consiglio di presidenza. Essa partecipa inoltre ai lavori delle istituzioni scolastiche di livello superiore a quello provinciale: coordinamento regionale e consiglio nazionale delle CPS.

Ecco l’elenco completo dei compiti della CPS, secondo l’articolo 6 della norma istitutiva delle consulte provinciali in Italia:

  • assicurare il più ampio confronto fra gli studenti di tutti gli istituti della provincia, anche al fine di ottimizzare ed integrare in rete le iniziative complementari e le attività integrative da svolgersi nelle scuole;
  • formulare proposte ed esprimere pareri agli uffici scolastici, agli enti locali competenti ed agli organi collegiali territoriali;
  • collaborare con gli organi dell’amministrazione scolastica e con i centri di informazione e consulenza, interni ai singoli istituti, per l’assistenza socio-sanitaria ai tossicodipendenti per la realizzazione di progetti di attività informativa e di consulenza intesi alla prevenzione e cura delle tossicodipendenze, alla lotta contro l’abuso di farmaci e di sostanze per l’incremento artificiale delle prestazioni sportive;
  • istituire, in collaborazione con l’ufficio scolastico locale, uno sportello informativo per gli studenti con particolare riferimento all’attuazione della disciplina delle iniziative complementari e le attività integrative da svolgersi nelle scuole e dello statuto delle studentesse e degli studenti nella scuola secondaria di secondo grado e alle attività di orientamento;
  • promuovere iniziative di carattere transnazionale;
  • designare i rappresentanti degli studenti nei consigli scolastici locali;
  • designare i rappresentanti degli studenti nell’organo di garanzia per le impugnazioni nelle scuole secondarie di secondo grado istituito presso l’ufficio scolastico regionale.
Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: